by ERP Italia

Il Centro di Coordinamento RAEE (CDCRAEE) ha pubblicato i dati relativi all’andamento della raccolta di Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche nel primo trimestre 2020.

Nei primi due mesi dell’anno sono state raccolta 719 tonnellate di RAEE domestici in più rispetto all’anno precedente, pari ad un +13% e +16% rispetto a gennaio e febbraio del 2019, per un totale di 78.349 tonnellate.

Nel mese di marzo, invece, la situazione di chiusura nazionale dovuta all’emergenza sanitaria COVID-19 ha causato una diminuzione delle richieste di ritiro ed un calo della raccolta del 35% rispetto ai mesi precedenti e del 26% rispetto a marzo 2019.

Considerando il trimestre nel suo complesso, questo andamento ha fatto registrare un +1%.

La riduzione della raccolta dell’ultimo mese si ripercuote su tutti i raggruppamenti dei RAEE, in cui si registrano nel complesso valori negativi o prossimi allo zero rispetto al 2019, tranne l’R2 in cui si nota una crescita del 5%.

Per quanto riguarda l’analisi a livello territoriale, si può notare che la raccolta nelle regioni del Nord Italia vale il 52% dell’intera raccolta nazionale, seguita da quella nelle regioni del Sud Italia e nelle Isole (25%) ed infine nelle regioni del Centro (23%).

Per tutti gli approfondimenti e per consultare le differenti analisi effettuate, visita il sito: www.cdcraee.it

Fonte: www.cdcraee.it