by ERP Italia

Pubblicata su Canale Energia, l’intervista ad Alberto Canni Ferrari, Procuratore Speciale del Consorzio ERP Italia, che commenta gli effetti e le novità del recepimento delle Direttive Europee sul sistema RAEE e sul sistema Pile e Accumulatori.

Le Direttive Europee, facenti parte del “Pacchetto economia circolare” sono state recepite in Italia con il D.Lgs. 118/2020 per quanto riguarda i Rifiuti di Pile ed Accumulatori (RPA) ed i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) e con il D.Lgs. 116/2020 relativamente ai Rifiuti ed agli imballaggi.

Da essi si evince una volontà ancora maggiore di salvaguardare l’ambiente e ridurre ogni forma di spreco.

Tra le varie tematiche affrontate, viene esteso ad altri settori, quali pile accumulatori ed imballaggi, il Principio della Responsabilità Estesa del Produttore, che prevede che i Produttori debbano farsi carico di organizzare e finanziare le operazioni di raccolta, trattamento e riciclo dei RAEE/RPA e che sancisce la riduzione degli impatti ambientali negativi derivanti dalla progettazione e dalla produzione dei beni e dalla gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, RAEE e dei Rifiuti di pile ed accumulatori, RPA.

Emergono ulteriori impulsi che considerano diversi aspetti, ma che mirano tutti ad un unico obiettivo: il raggiungimento della piena economia circolare.

Per saperne di più, guarda il video completo

Fonte: www.canaleenergia.com