by ERP Italia

Alberto Canni Ferrari, Procuratore Speciale del Consorzio ERP Italia, è stato ospite di Radio Lombardia, nel programma condotto da Monica Stefinlongo, Mattino Lombardia.

Si è parlato della raccolta delle AEE (Apparecchi Elettrici ed Elettronici) e delle Pile e Accumulatori e degli obblighi normativi in vigore per le aziende e per i privati.

Inoltre Canni Ferrari ha sottolineato l’importanza di una corretta gestione di questi rifiuti RAEE e RPA per la tutela dell’ambiente e delle persone.

Obblighi dei Produttori

Per ciò che riguarda gli obblighi dei Produttori, questi sono molteplici e derivano dall’applicazione del concetto della Responsabilità Estesa del Produttore, secondo cui chi immette sul mercato apparecchiature AEE o Pile e Accumulatori deve farsi carico del fine vita. Nell’ambito dei RAEE domestici, ad esempio, i Produttori devono iscriversi al Registro Nazionale prima di immettere AEE sul mercato, ottenendo un numero di registrazione da apporre nelle proprie fatture di vendita, inoltre possono optare per l’adesione ad un Sistema Collettivo, come il Consorzio ERP Italia, per la gestione degli obblighi di raccolta, trasporto e trattamento, finanziandone le attività. I Produttori inoltre devono marcare le AEE con un apposito simbolo (cassonetto barrato) che identifica il rifiuto quale oggetto di raccolta separata.

Obblighi dei Cittadini

Il cittadino invece deve innanzitutto essere consapevole del fatto che, una volta dismessi, i RAEE e gli RPA devono essere oggetto di raccolta separata per essere avviati ad un corretto trattamento e quindi non impattare negativamente su salute e ambiente. I RAEE e i RPA possono essere conferiti presso i centri di raccolta urbani o presso la distribuzione oppure i RAEE di piccolissima dimensione possono essere restituiti anche se non si sta acquistando una nuova apparecchiatura, così come le pile che possono essere restituite nei punti vendita.

Cosa fa Consorzio ERP Italia

Il Consorzio ERP Italia gestisce, per conto dei Produttori aderenti, i Consorziati, gli obblighi di raccolta e trattamento dei RAEE e RPA. Si interfaccia con il Centro di Coordinamento RAEE (CDCRAEE) e il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (CDCNPA), enti preposti, appunto, al coordinamento della raccolta così come alla definizione di un set di regole che tutti i consorzi sono tenuti a rispettare (quali, ad esempio, i livelli di servizio da assicurare circa le tempistiche di ritiro). Inoltre, il Consorzio effettua le rendicontazioni periodiche sulle quantità di rifiuti gestite, ottempera infine ai requisiti previsti dalla normativa (Bilancio preventivo e determinazione del contributo ambientale, implementazione di sistemi Qualità e Ambiente, implementazione di un modello conforme al Decreto Legislativo 231).

Per maggiori informazioni, ascolta l’intervista completa