by ERP Italia

Altri articoli

Andrea Bizzi, Operations manager del Consorzio ERP Italia, un Sistema Collettivo, senza scopo di lucro, tra i principali Consorzi RAEE, che assolve agli obblighi di legge in capo ai Produttori per la gestione dei rifiuti tecnologici di AEE – Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, Pile e Accumulatori a scopo di riciclo, è stato tra i protagonisti dell’evento, dal titolo “Convegno Torino, l’Industria, l’auto e la transizione ecologica quali opportunità per la città” organizzato dalla CGIL Provinciale nella giornata di Martedì 21 Giugno.

L’intervento di Andrea Bizzi, moderato da Edi Lazzi, segretario Generale della FIOM-CGIL di Torino, si è focalizzato sul tema dell’economia circolare, legata in particolare alle auto elettriche, con un approfondimento su come funziona l’iter del riciclo delle batterie e il loro riutilizzo in altre funzioni.

Gli altri relatori presenti, Giorgio Airaudo (Seg. Gen. Cgil Piemonte), Stefania Crotta (Direttrice ambiente energia Reg. Piemonte), Alberto Dal Poz (Vicepresidente Unione Industriali Torino), Chiara Foglietta (Assessora transizione ecologica Com. Torino), Corrado La Forgia (Vicepresidente Federmeccanica), Simone Marinelli (Responsabile nazionale FIOM-CGIL auto) e Filippo Spertino (Prof. associato Politecnico di Torino) hanno discusso delle possibili opportunità future per le filiere produttive dell’auto in un contesto di cambiamento normativo a vantaggio delle auto elettriche.

In particolare, il tema si è incentrato sui risvolti legati alla città di Torino, da sempre punto di riferimento del settore automobilistico in Italia e nel mondo.

È recente, infatti, la decisione del Parlamento Europeo di dismettere la produzione di automobili con motori tradizionali a vantaggio di quelli elettrici. In questo contento, il recupero, il riutilizzo dei materiali e la produzione di energia da fonti rinnovabili saranno determinanti per ridurre l’inquinamento atmosferico, contenere il surriscaldamento del pianeta e implementare fattivamente il concetto di economia circolare.

Per maggiori informazioni, contattaci