by ERP Italia

Il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (CDCNPA) ha presentato il Rapporto Annuale 2021 in cui sono stati comunicati i risultati raggiunti e relativi alla raccolta ed alla gestione dei Rifiuti di Pile e Accumulatori (RPA) avvenuta in Italia nel corso del 2021.

Continua la crescita dei luoghi di raccolta, ovvero punti vendita, centri di raccolta, impianti di trattamento dei RAEE, grandi utilizzatori, centri di stoccaggio e centri di assistenza tecnica che si sono iscritti al CDCNPA, passando da 10.952 (2020) a 11.296 (2021).

Per quanto riguarda i dati di raccolta delle pile portatili, si è registrato un calo del 7,5% per un totale di 10.250.252 kg di rifiuti di pile e accumulatori portatili raccolti, conseguenza del cambio di abitudini e tecnologie utilizzate che vedono aumentare la quota relativa agli accumulatori ricaricabili, che hanno una durata maggiore, a discapito della quota di pile usa e getta.

Se il numero di luoghi di raccolta è cresciuto in quasi tutte le regioni italiane, relativamente alla raccolta in termini assoluti sono ancora le regioni del Nord Italia le più virtuose, prima fra tutte la Lombardia.

Al contrario, la raccolta degli accumulatori industriali e per veicoli è aumentata e raggiungendo le 156.722 tonnellate rispetto alle 155.678 tonnellate del 2020.

Consulta il documento per tutti gli approfondimenti e per consultare le differenti analisi effettuate, quali per esempio la raccolta suddivisa su base regionale o in base alla provenienza delle pile e degli accumulatori.

Fonte: www.cdcnpa.it