Dizionario ambientale

  • Pile ed Accumulatori
  • Concetti generali
  • Organismi ed Enti del Riciclo
  • Apparecchiature elettriche ed elettroniche – AEE
  • Normative
  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • J
  • K
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • Q
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
  • W
  • X
  • Y
  • Z
A

Apparecchiature elettriche ed elettroniche (in sigla AEE)

sono le apparecchiature che dipendono, per un corretto funzionamento, da correnti elettriche o da campi elettromagnetici e le apparecchiature di generazione, trasferimento e misurazione di queste correnti e campi e progettate per essere usate con una tensione non superiore a 1000 volt per la corrente alternata e a 1500 volt per la corrente continua.

B

Batterie o Accumulatori per veicoli

le batterie o gli accumulatori utilizzati per l’avviamento, l’illuminazione e l’accensione.

Business to business (in sigla B2B)

RAEE provenienti da nuclei professionali.

Business to consumer (in sigla B2C)

RAEE provenienti da nuclei domestici.

C

Centri di raccolta RAEE

luogo fisico presso il quale sono raccolti, mediante raggruppamento differenziato, anche le diverse tipologie di RAEE.

Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (in sigla CDCNPA)

organismo italiano che si occupa di ottimizzare le attività di competenza dei sistemi collettivi, garantendo condizioni operative uniformi, al fine di aumentare le percentuali di raccolta e riciclo dei rifiuti di pile e accumulatori e di definire le modalità con le quali vengono stabiliti e ripartiti i finanziamenti delle operazioni di raccolta, trattamento e riciclo approvati dal Comitato di Vigilanza e Controllo.

Centro di Coordinamento RAEE (in sigla CDCRAEE)

organismo italiano che si occupa di ottimizzare le attività di ritiro e gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche con lo scopo di incrementare la raccolta di questa tipologia di rifiuti su tutto il territorio nazionale e di raggiungere gli obiettivi di raccolta stabiliti dall’Unione Europea per salvaguardare, tutelare e migliorare la qualità dell’ambiente e della salute umana.

Comitato di vigilanza e controllo RAEE, Pile e Accumulatori

Organismo, istituito presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che si occupa di:

  • predisporre ed aggiornare il Registro nazionale, sulla base delle comunicazioni delle Camere di commercio,
  • raccogliere, esclusivamente in formato elettronico, i dati relativi ai prodotti immessi sul mercato e alle garanzie finanziarie che i produttori sono tenuti a comunicare al Registro nazionale,
  • calcolare, sulla base dei dati comunicati, le rispettive quote di mercato dei produttori,
  • programmare e disporre, sulla base di apposito piano, ispezioni nei confronti dei produttori che non effettuano le comunicazioni e, su campione, sulle comunicazioni previste, vigilare affinché’ le apparecchiature immesse sul mercato dopo il 13 agosto 2005 rechino l’identificativo del produttore ed il simbolo di cui all’Allegato IX ed affinché’ i produttori che forniscono apparecchiature elettriche ed elettroniche mediante tecniche di comunicazione a distanza informino il Registro sulla conformità alle disposizioni,
  • assicurare il monitoraggio sull’attuazione del presente decreto legislativo,
  • fungere da punto di riferimento per la rappresentazione di diverse problematiche da parte degli interessati, e del Centro di Coordinamento ed in particolare, in mancanza di una specifica valutazione a livello europeo, si esprime circa l’applicabilità o meno del presente decreto legislativo a tipologie di AEE non elencate agli Allegati II e IV,
  • favorire l’adozione di iniziative finalizzate a garantire l’uniforme applicazione del presente decreto legislativo e dei suoi provvedimenti attuativi, anche sottoponendo eventuali proposte di modifica della normativa ai Ministeri competenti,
  • fornire al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare le informazioni in suo possesso che siano necessarie ai fini della predisposizione delle relazioni di cui all’articolo 31, comma 2. 2.

Consorzio RAEE

Il consorzio RAEE ha personalità giuridica di diritto privato e non ha fine di lucro; si occupa della gestione, della raccolta e del trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), secondo un approccio basato sulla protezione dell’ambiente e della salute umana, sulla preservazione delle materie prime allo scopo di riciclare le risorse di valore contenute nelle apparecchiature.

D

Decreto Legislativo 116/2020

Decreto Legislativo che modifica il Codice ambientale per Rifiuti ed imballaggi.

Decreto Legislativo 118/2020

Decreto Legislativo che modifica il D.Lgs. 188/2008 relativamente ai Rifiuti di Pile ed Accumulatori (RPA) e il D.Lgs. 49/2014 per quanto riguarda i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE).

Decreto Legislativo 119/2020

Decreto Legislativo relativo ai veicoli fuori uso.

Decreto Legislativo 188/2008

Decreto Legislativo con il quale la normativa italiana ha recepito la Direttiva Europea riguardante i Rifiuti di Pile e Accumulatori e le cui finalità rafforzano il principio della Responsabilità Estesa del Produttore del bene (EPR).

Decreto Legislativo 49/2014

Decreto Legislativo con il quale la normativa italiana ha recepito la Direttiva Europea riguardante i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e le cui finalità rafforzano il principio della Responsabilità Estesa del Produttore del bene (EPR).

Detentore

ai sensi dell’art. 183 del D.lgs. 152/2006, è “il produttore dei rifiuti o la persona fisica o giuridica che ne è in possesso”.

Direttiva RAEE

Direttiva Europea 2012/19/UE, recepita in Italia con il D.Lgs. 49/2014, che riguarda le Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e si basa sul principio della Responsabilità Estesa del Produttore (EPR) che sancisce l’obbligo per i produttori ed i distributori di finanziare il sistema di recupero e riciclo dei prodotti immessi sul mercato. Questa normativa ha come obiettivo la prevenzione e la riduzione degli impatti ambientali negativi derivanti dalla progettazione e dalla produzione delle AEE e dalla gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, RAEE.

Distributore AEE

persona fisica o giuridica iscritta al Registro delle imprese che, operando nella catena di approvvigionamento, rende disponibile sul mercato un’AEE.

Distributore Pile e Accumulatori

qualsiasi persona che, nell’ambito di un’attività commerciale, fornisce pile e accumulatori ad un utilizzatore finale.

Distributore al dettaglio AEE

una persona fisica o giuridica che rende disponibile un’AEE all’utilizzatore finale.

E

Eco contributo RAEE o visible fee

importo che il produttore aggiunge al prezzo di vendita di ogni AEE e che serve a finanziare la gestione del fine vita dell’apparecchiatura, attuando concretamente il Principio della Responsabilità Estesa del Produttore.

Economia circolare – circular economy

modello che si pone come obiettivo riutilizzare le risorse il più a lungo possibile massimizzandone il valore ed evitando sprechi; una volta che un prodotto giunge a fine vita, i materiali ancora utili, vengono recuperati e riutilizzati. Si tratta di un modello opposto all’economia definita “lineare”, caratterizzata dalla fase di produzione, utilizzo e smaltimento.

G

Gestore Servizi Energetici

Società individuata dallo Stato italiano per perseguire e conseguire gli obiettivi di sostenibilità ambientale, nei due pilastri delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica.

I

Immissione sul mercato

la fornitura o la messa a disposizione, a titolo oneroso o gratuito, in favore di terzi all’interno del territorio della comunità, compresa l’importazione nel territorio doganale della comunità.

Impianto trattamento RAEE

azienda autorizzata al recupero ed al riciclo dei RAEE secondo un trattamento specifico in base alle caratteristiche del RAEE; svolge attività di stoccaggio e/o trattamento per il riciclaggio, recupero e valorizzazione dei materiali.

L

Luoghi di raggruppamento RAEE

deposito preliminare alla raccolta dei RAEE domestici organizzato dai distributori.

M

Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Organo del Governo Italiano che si occupa di sviluppare ed attuare la politica ambientale.

N

Nuovo Pacchetto Economia Circolare

Decreti che recepiscono le tre Direttive Europee 2018/849, Dir. 2018/850, Dir. 2018/851.

O

Open Scope

il Decreto Lgs. 49/2014, a partire dal 15 agosto 2018, ha previsto l’estensione dell’ambito di applicazione della normativa RAEE che impone ai produttori, agli importatori e a coloro che vendono con il proprio marchio apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) di organizzare e finanziare il sistema di raccolta e recupero dei rifiuti (RAEE) che derivano dai prodotti immessi sul mercato.

Operatori economici

i produttori, i distributori, gli operatori addetti alla raccolta, gli operatori addetti al riciclaggio o altri operatori di impianti di trattamento.

P

Pannello fotovoltaico domestico

ai sensi dell’art. 4, comma 1, lett. qq, del Decreto 49/14 , è il “pannello fotovoltaico installato in impianti di potenza nominale inferiore a 10 kW”.

Pannello fotovoltaico professionale

ai sensi dell’art. 4, comma 1, lett. qq, del Decreto 49/14, è il “pannello fotovoltaico installato in impianti di potenza nominale superiore o uguale a 10 kW”.

Pila o Accumulatore

una fonte di energia elettrica ottenuta mediante trasformazione diretta di energia chimica, costituita da uno o più elementi primari (non ricaricabili) o costituita da uno o più elementi secondari (ricaricabili).

Pila portatile alcalino-manganese

pile utilizzate per fornire energia ad apparecchi che consumano un elevato quantitativo di corrente.

Pila portatile litio

pile impiegate nell’alimentazione di apparecchi tecnologicamente avanzati, vista la durata prolungata.

Pila portatile ossido d’argento

riconoscibili dalla loro particolare forma a bottone.

Pila portatile zinco-aria

pile utilizzate all’interno di dispositivi specifici, come apparecchi acustici e pacemaker.

Pila portatile zinco-carbone

pile destinate ad essere utilizzate in piccoli apparecchi domestici a basso consumo.

Pila portatile zinco-cloruro

pile che utilizzano come elettrolito una soluzione acquosa di cloruro di zinco.

Pile a bottone

piccole pile o accumulatori portatili di forma rotonda, di diametro superiore all’altezza, utilizzati a fini speciali in prodotti quali protesi acustiche, orologi e piccoli apparecchi portatili e come energia di riserva.

Pile o Accumulatori industriali

le pile o gli accumulatori progettati esclusivamente a uso industriale o professionale, o utilizzati in qualsiasi tipo di veicoli elettrici.

Pile o Accumulatori portatili

le pile, le pile a bottone, i pacchi batteria o gli accumulatori che sono sigillati, sono trasportabili a mano e non costituiscono pile o accumulatori industriali, né batterie o accumulatori per veicoli.

Principio della Responsabilità Estesa del Produttore (in sigla EPR)

principio che sancisce la riduzione degli impatti ambientali negativi derivanti dalla progettazione e dalla produzione delle AEE e dalla gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, RAEE.

Produttore AEE

la persona fisica o giuridica che, qualunque sia la tecnica di vendita utilizzata:
1) è stabilita nel territorio nazionale e fabbrica AEE recanti il suo nome o marchio di fabbrica oppure commissiona la progettazione o la fabbricazione di AEE e le commercializza sul mercato nazionale apponendovi il proprio nome o marchio di fabbrica;

2) è stabilita nel territorio nazionale e rivende sul mercato nazionale, con il suo nome o marchio di fabbrica, apparecchiature prodotte da altri fornitori; il rivenditore non viene considerato produttore, se l’apparecchiatura reca il marchio del produttore a norma del numero 1);

3) è stabilita nel territorio nazionale ed immette sul mercato nazionale, nell’ambito di un’attività professionale, AEE di un Paese terzo o di un altro Stato membro dell’Unione europea;

4) è stabilita in un altro Stato membro dell’Unione europea o in un paese terzo e vende sul mercato nazionale AEE mediante tecniche di comunicazione a distanza direttamente a nuclei domestici o a utilizzatori diversi dai nuclei domestici.

Produttore Pile e Accumulatori

chiunque immetta sul mercato nazionale per la prima volta a titolo professionale pile o accumulatori, compresi quelli incorporati in apparecchi o veicoli, a prescindere dalla tecnica di vendita utilizzata, comprese le tecniche di comunicazione a distanza definite agli articoli 50, e seguenti, del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, di recepimento della direttiva 97/7/CE riguardante la protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza.

Punto di raccolta per Pile e Accumulatori

contenitore destinato alla raccolta esclusiva di pile e accumulatori accessibile all’utilizzatore finale e distribuito sul territorio, tenuto conto della densità di popolazione, non soggetto ai requisiti in materia di registrazione o di autorizzazione di cui alle norme vigenti sulla gestione dei rifiuti.

R

RAEE equivalenti

i RAEE ritirati a fronte della fornitura di una nuova apparecchiatura, che abbiano svolto la stessa funzione dell’apparecchiatura fornita.

RAEE nuovi

i RAEE derivanti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche immesse sul mercato dopo il 31/12/2010.

RAEE professionali

i RAEE diversi da quelli provenienti dai nuclei domestici.

RAEE provenienti dai nuclei domestici

i RAEE originati dai nuclei domestici e i RAEE di origine commerciale, industriale, istituzionale e di altro tipo, analoghi, per natura e quantità, a quelli originati dai nuclei domestici. I rifiuti delle AEE che potrebbero essere usate sia dai nuclei domestici che da utilizzatori diversi dai nuclei domestici sono in ogni caso considerati RAEE provenienti dai nuclei domestici.