by ERP Italia

Alberto Canni Ferrari, Procuratore Speciale del Consorzio ERP Italia, è stato intervistato da Agnese Cecchini, Direttore di Canale energia.

Durante l’intervento è stato commentato l’andamento della raccolta RAEE e RPA nel 2020, che, nonostante le difficoltà generate dalla pandemia e dai numerosi lockdown, è stato positivo per l’intero Sistema.

Dati Consorzio ERP Italia 2020

Per quanto riguarda il Consorzio ERP Italia, il 2020 si è chiuso con una raccolta, e un conseguente invio al trattamento, di oltre 20mila (20.097) tonnellate di rifiuti AEE, ammontare che include il complesso dei conferimenti rispetto alle differenti categorie di classificazione, e poco più di 3.550 tonnellate di RPA (Rifiuti di Pile e Accumulatori) portatili.

Altro aspetto positivo emerso è relativo al TMI (Tempi massimi di Intervento), per il quale il Consorzio ERP Italia si conferma ad un livello di eccellenza, con una quota media del 98,87% per il settore RAEE B2C e con un 99,33% per quanto riguarda i rifiuti RPA.

Il TMI è il tempo massimo che – ai fini del rispetto dei livelli di servizio da parte dei Sistemi Collettivi – può intercorrere tra il momento in cui una Richiesta di Intervento (RdI) effettuata dai soggetti aderenti al Consorzio mediante i diversi canali messi a disposizione dal CdC RAEE diventa evadibile e il ritiro da parte dei Sistemi Collettivi.

Di rilievo anche il dato che riguarda la quota di RAEE che sono stati destinati al recupero di materia e per la produzione di energia, che ammonta all’87,5% del totale di quanto raccolto, mentre si attesta all’8,26% la porzione avviata a valorizzazione e al 4,25% quella indirizzata allo smaltimento. Anche il rapporto tra recupero dei RAEE e invio alla produzione energetica è stato quindi rispettato.

Per consultare i dati nel dettaglio, leggi il Bilancio Ambientale 2020

Prospettive Future

Infine si è discusso delle prospettive future, anche alla luce del nuovo Piano di Transizione Ecologica e del Nuovo Ministero incaricato; confermate le scorse esigenze alle quali si sono aggiunte nuove osservazioni relativamente a potenziali nuovi miglioramenti in tutto il Sistema RAEE e Sistema Pile ed Accumulatori.

Per vedere l’intervista completa, clicca qui